8 giornalisti spagnoli su 10 ritengono che i media abbiano perso credibilità

8 giornalisti spagnoli su 10 ritengono che i media abbiano perso credibilità

Cannella PR, agenzia di comunicazione indipendente, ha presentato ieri a Barcellona il Relazione sulle confluenze nella comunicazione corrente. Tra le conclusioni di questo rapporto spicca un dato importante: l'82% dei giornalisti ritiene che i media abbiano perso credibilità nell'era digitale.

Il rapporto affronta anche questioni come rapporto agenzia / giornalista o se gli spagnoli sono disposti a pagare per i contenuti. Un altro dei dati che il rapporto evidenzia è che i giornalisti continuano a fare affidamento sulle agenzie di PR per filtrare il crescente volume di informazioni.

La credibilità dei media scende ai livelli minimi

Secondo i risultati dello studio, L'82% dei giornalisti spagnoli ritiene che la credibilità dei media sia diminuita negli ultimi cinque anni.

Questo fenomeno ha diverse cause. I partecipanti indicano i seguenti motivi. Secondo l'83%, è la pressione del tempo che lascia meno tempo per indagare; Per il 79%, il motivo è l'offuscamento del confine tra contenuto editoriale e contenuto a pagamento; per il 58% è la dipendenza dai materiali prefabbricati; e per il 66% il motivo risiede nella maggiore influenza dei professionisti delle PR.

In questo senso, il 53% dei partecipanti ritiene che il lavoro delle agenzie abbia acquisito importanza negli ultimi anni per i media, contro il 47% che ritiene di no. In un contesto di più fonti di informazione e meno tempo e risorse per elaborarle, i media fanno sempre più affidamento sulle agenzie per ottenere i contenuti di cui hanno bisogno.

In questa nuova fase del rapporto tra giornalisti e agenzie, non c'è tempo per le conferenze stampa tradizionali (il 68% ritiene di aver perso importanza), i comunicati stampa mantengono il loro ruolo (solo il 53% ritiene che abbiano meno peso) e più rilevanza viene dato ai contatti personali (per l'80% sono più importanti) e alle interviste (per il 75%).

La stampa digitale prevale su quella cartacea

I professionisti che sono ancora in attività stanno assistendo alla rapida trasformazione delle società di notizie. 74%) dei giornalisti lavora per un mezzo online e sempre meno lo fa solo sui media scritti (12%). I partecipanti allo studio ritengono che questa tendenza continuerà.

I media che cresceranno maggiormente sono la televisione e la radio Internet (70% e 50% rispettivamente), i social network (64%) e i portali di notizie (38%). I media che continueranno invece a diminuire sono i quotidiani (51%) e i settimanali (43%), i periodici generici (39%) e i periodici specializzati (19%).

Come riflette uno degli intervistati: “La carta dovrebbe essere lasciata per le pubblicazioni che vale la pena salvare. Ma per un giornale o una rivista che viene letta e gettata via, è davvero un peccato e un enorme spreco di denaro, quando le persone preferiscono leggere il tablet. Adattiamoci alla nuova rivoluzione tecnologica o moriamo provandoci ”.

A questo si aggiunge che la crisi ha peggiorato le condizioni di lavoro dei giornalisti. L'84% degli intervistati ha subito tagli di bilancio; L'83% ha un carico di lavoro maggiore; Il 79% ha meno tempo per indagare; Il 77% soffre di precarietà del lavoro; e il 70% ha visto diminuire la qualità del proprio lavoro. Non va dimenticato che 11.145 giornalisti sono stati licenziati dal 2008 secondo la Federation of Journalists Associations (FAPE).

Dubbi sulla qualità e fattibilità dei media digitali

Di fronte al boom del digitale, il 76,9% dei giornalisti spagnoli pensa che pubblicare il proprio blog sia un'opportunità di lavoro, qualcosa in linea con l'evoluzione del settore negli ultimi anni. Dal 2008, 284 media (in particolare riviste, giornali e televisioni) sono stati chiusi in Spagna secondo l'Associazione della stampa di Madrid, mentre sono state create più di 300 pubblicazioni online. Tuttavia, ci sono discrepanze sulla qualità e la fattibilità del nuovo giornalismo.

Mentre uno degli intervistati lo ricorda “Blog non è sinonimo di gratuito o mancanza di qualità. È uno strumento in più a disposizione di chiunque voglia utilizzarlo, giornalisti o meno. E la sua produttività e il vantaggio economico dipenderanno dalla qualità del contenuto ", un altro si rammarica che il blogs "Non ci si deve fidare di loro, chiunque può scrivere e pubblicare contenuti falsi e scarsamente documentati". Un terzo intervistato definisce i contenuti Internet come segue: “I titoli delle 'ricette' (come fare questo o quello, i dieci migliori, ecc.) E le notizie vuote (un maiale cinese ha dato alla luce un bambino rosa) trionfano. Spesso mi chiedo se devo restare nell'aneddoto. "

Gli utenti spagnoli non vogliono pagare per le notizie

Alla domanda sulle potenziali fonti emergenti di entrate mediatiche, il 75% degli intervistati considera la pubblicità online il modo migliore per finanziare i nuovi media. Questa formula è imposta su altre alternative come gli abbonamenti online (66%), il pagamento per articolo (61%) o il crowdfunding (60%).

Sebbene il pagamento per articolo sia la formula che sicuramente garantisce meglio l'indipendenza dei giornalisti, la realtà è che attualmente solo l'11% degli spagnoli paga per accedere alle notizie su Internet, secondo il rapporto. Rapporto di notizie digitali 2015 dal Reuters Institute.

Deborah Gray, direttrice e fondatrice di Canela PR, commenta i risultati dello studio: “Il rapporto tra giornalisti e agenzie è ancora più necessario che mai nella nuova era digitale, perché c'è meno tempo e risorse per filtrare le informazioni. Questa urgenza, insieme all'ascesa dei media digitali a scapito della carta stampata, sta minando la credibilità dei media spagnoli. A questo dobbiamo aggiungere che pochissimi utenti spagnoli sono disposti a pagare per i contenuti. Quindi i media devono continuare a cercare modi efficienti per generare contenuti di qualità, compito in cui le agenzie di pubbliche relazioni desiderano continuare a sostenerli ”.

Puoi controllare i risultati del file Relazione sulle confluenze nella comunicazione corrente qui.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.