posto di lavoro: che cos'è

posto di lavoro: che cos'è

Come sai, ci sono molti social network e questo significa che ogni persona ha diversi account in diversi. Ma poi c'è altri più sconosciuti, come nel caso di Workplace. Che cos'è? A cosa serve questo social network?

Se non ne hai mai sentito parlare ma vorresti sapere cos'è e come puoi usarlo (se è quello che stai cercando), qui avrai tutte le informazioni che devi sapere.

Luogo di lavoro: che cos'è?

posto di lavoro: che cos'è

La prima cosa che dovresti sapere su Workplace è che proviene da Facebook. Sì, che ci crediate o no, perché non è un network che ha pubblicizzato molto, la verità è che appartiene a Facebook, o come è ormai noto, Meta.

Questo servizio è totalmente indipendente da Facebook e funziona da qualche anno. All'inizio non si chiamava Workplace ma Facebook at Work. Mantenne quel nome per circa un anno mentre i test venivano effettuati in quel momento per vedere come funzionava.

In realtà, potremmo dirlo è un social network professionale, sullo stile di Linkedin, ma creato da Mark Zuckerberg. Il suo obiettivo è quello i dipendenti dell'azienda possono contattare e che lo fanno sempre tramite il loro cellulare.

Tuttavia, vi abbiamo già detto che i principali paesi che lo utilizzano sono gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Francia, l'India e la Norvegia. In Spagna è passato di più inosservato e quasi nessuno lo sa.

A cosa serve Workplace?

A cosa serve Workplace?

L'uso principale di Workplace non è altro che fungere da comunicazione tra capi e colleghi, ma anche creare gruppi di lavoro. Diventa così uno strumento per il lavoro quotidiano.

Essendo totalmente indipendente da Facebook, non è necessario collegare entrambi gli account, mantenendo separata la parte privata e personale dalla parte lavorativa. Ciò non significa che non ci siano wall, chat, possibilità di dirette, gruppi...

Al di là della questione del lavoro, non sarà utilizzato per nient'altro. Ma può essere un luogo di incontro per lavoratori e capi per conoscersi e comunicare.

Alcune delle aziende che lo utilizzano, conosciute in Spagna, sono Booking, Danone, Save the Children o Oxfam.

Vantaggi dell'utilizzo di Workplace

Dopo quanto visto di Workplace, è possibile che tu abbia in mente alcuni dei vantaggi che ti offre. Riassumiamo i più importanti che abbiamo visto:

  • Migliora la produttività aziendale. Perché fornisci uno strumento di comunicazione interna che può aiutare a tenere informati i lavoratori su tutte le questioni importanti. Certo, anche quelle interne (tra boss), ma sempre in maniera più riservata (tramite chat o gruppi).
  • Separazione con Facebook personale. Ciò consente a lavoratori e capi di avere più privacy nelle loro vite personali e di non mescolarla con il lavoro.
  • Possibilità di creare gruppi per comunicare determinate informazioni non solo a tutte le persone, ma ad alcune di esse.

Il più grande svantaggio del posto di lavoro

Nonostante tutti i vantaggi che Workplace ha sia per le aziende che per i dipendenti, c'è un aspetto negativo che potrebbe essere il motivo per cui è passato inosservato.

Ed è che Questo social network "è a pagamento". A seconda del numero di dipendenti che hai, devi pagare denaro per ogni dipendente che hai. Le tariffe sono stabilite come segue:

  • Aziende con un massimo di 1000 dipendenti, $ 3 per dipendente.
  • Aziende tra 1001 e 10000, $ 2 per utente.
  • Quelli che superano i 10001 lavoratori, un dollaro per utente.

Questo fa le applicazioni gratuite possono battere l'idea di Facebook.

6 Punti salienti del posto di lavoro

6 punti importanti di Workplace

Prima che ti lasci prendere il decidere se utilizzare o meno Workplace per la tua attività, dovresti conoscere sei dettagli che possono aiutarti a capirlo molto meglio.

Ha un motore di ricerca molto potente

Al punto che sarai in grado cercare nomi, frasi, gruppi, ecc. È come il motore di ricerca di Facebook, ma è un po' più preparato a trovare aspetti di lavoro come frasi o pubblicazioni importanti.

Possibilità di creare eventi

Come i pasti di Natale o gli incontri con i clienti. In questo modo sarà possibile invitare le persone che devono presenziare all'appuntamento in cui saranno informati del luogo e dell'ora in cui devono trovarsi, ed evitare così che possano esserci altri eventi che si sovrappongono e rendono l'azienda non funziona bene.

Assegnazione delle priorità ai feed di notizie

Uno dei problemi con il feed di notizie di Facebook è che fa quello che vuole. Ma in questo caso non sarebbe così da allora devi solo dare la priorità a quali sono le notizie (da gruppi, colleghi, compiti, ecc.) che vuoi emergere in primo luogo e quindi sapere a cosa dovresti dedicarti per primo.

una chat esclusiva

Chiamato Workchat, che ti consentirà di creare gruppi di utenti che riceveranno i messaggi che invii, oltre a condividere documenti o persino avviare videochiamate per avere riunioni con tutti i membri di quel gruppo.

Creazione del gruppo

Questi possono essere creati proprio come su Facebook o tramite chat, come hai visto poco fa.

Serviranno non solo per avviare una conversazione in cui tutti sono consapevoli, ma anche per ordinare informazioni, documenti, ecc. e ricevere feedback dal team.

Un luogo di lavoro diverso da Facebook

Se stai già pensando che sarà un Facebook con i tuoi colleghi, ripensaci. È vero che segue la stessa linea di Facebook, ma la verità è che hai alcune differenze. Da un lato, per entrare in Workplace dovrai farlo con un link che arriva nella tua email.

Ciò significa che non devi avere un account Facebook ma lo farai tramite un'altra applicazione. Lì, solo per questo avrai già una tua email finita in .facebook.com.

Inoltre, non dovrai inviare richieste di amicizia, più che altro perché non è disponibile. Potrai solo "seguire" i compagni. Ma niente "amici". Ciò non significa che non puoi parlare in privato con quella persona, che puoi farlo attraverso le chat.

Ora ti è più chiaro cos'è Workplace?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.