Maggiore richiesta di e-commerce da parte degli utenti

Il commercio elettronico ha registrato un aumento del 12,5% rispetto allo scorso anno a causa delle limitazioni alla mobilità raccomandate dal Dirigente nei giorni scorsi dal crisi del coronavirus. "Questa pratica impedisce la circolazione delle persone, e quindi rallenta le possibilità di contagio", ha detto il presidente dell'associazione dei datori di lavoro logistici dell'ONU, Francisco Aranda, e ha aggiunto che "come associazione di imprese, chiediamo che non si le merci sono limitate ”.

L'UNO ha pubblicato, insieme a Comisiones Obreras (CCOO) e UGT, una guida specifica di raccomandazioni per il settore della logistica e dei trasporti. È un documento con raccomandazioni per prevenire il coronavirus o per agire nel caso delle persone colpite. L'obiettivo di questo materiale è "fornire calma, trasparenza, armonizzare le azioni e facilitare il coordinamento per aziende e lavoratori", ha sottolineato l'ONU.

Dove ci sono alcuni settori che offrono una domanda maggiore di altri da parte dei consumatori. In un contesto che può essere molto cambiando col passare dei giorni da ora in poi. In questo senso, va notato che uno dei problemi che potrebbero generarsi a seguito di questo aumento della domanda degli utenti è che alla fine può generare una certa carenza e, di conseguenza, un allarme sociale del tutto inutile.

Domanda nel commercio elettronico: cosa offre all'utente?

Non c'è dubbio che una richiesta nel commercio elettronico da parte degli utenti è motivata dalla necessità dei consumatori di avere una serie di prodotti, servizi o articoli che oggi non possono essere canalizzati attraverso i canali tradizionali nella loro commercializzazione. In questo contesto generale, è necessario influenzare i vantaggi che queste aziende producono presso il grande pubblico.

Uno dei più rilevanti è l'accesso ai prodotti che non possono essere acquistati come negozi o negozi fisici chiusi a causa delle nuove normative di eccezione che sono state implementate nel nostro paese. Ad esempio, nell'acquisto di telefoni cellulari, materiale relativo a nuove tecnologie, abbigliamento o servizi per il tempo libero e formazione, tra alcuni dei più rilevanti. E questo porta più di un vantaggio nel canalizzare questo tipo di vendite in un formato online. Come quelli che esporremo d'ora in poi:

  • Per poterlo noleggiare velocemente da casa propria e attraverso un processo molto semplice nella sua formalizzazione.
  • Molto spesso genera prezzi più competitivi rispetto ai canali tradizionali o più convenzionali che possono aiutare i clienti o gli utenti a risparmiare più soldi dalla sua messa in funzione.
  • Per la sua canalizzazione, è necessario solo avere un personal computer o qualsiasi tipo di dispositivo tecnologico in modo da poter richiedere un prodotto, un servizio o un oggetto d'ora in poi.
  • Sono gestiti attraverso diversi mezzi di pagamento, come carte di credito o di debito, pagamenti elettronici o anche con valute virtuali come Bitcoin.

E infine, non dimenticare che questi acquisti online devono avere tutte le garanzie di sicurezza per proteggere operazioni o movimenti da parte di clienti o utenti.

Capacità di e-commerce in tempi di crisi

Questo può essere un settore che può rivalutarsi nei momenti di grave crisi economica. Nella misura in cui possono generare un file serie di valori che è molto conveniente che tu ne tenga conto da questo preciso momento. Ad esempio, attraverso le seguenti azioni che ti mostreremo di seguito:

Sebbene la domanda si sia moltiplicata, è ancora incerto se la maggior parte delle aziende che ricevono questi ordini sarà in grado di soddisfarla. Questo perché il principale fornitore di materie prime e prodotti è la Cina, il Paese più colpito e iniziatore del coronavirus.

Mentre d'altra parte, è un settore che può emergere vittorioso come risultato di più tempo libero da parte degli utenti. In questo senso è da apprezzare che l'aumento del tempo libero della popolazione costretta a restare in casa sta producendo a maggiore utilizzo di servizi in linea e download di videogiochi. È uno dei modi che usano per occupare le ore di isolamento e per avere un po 'di tempo libero. In questo modo i negozi o le attività online che offrono questi prodotti possono beneficiare di questo scenario, come sta accadendo in questo momento con lo scoppio del coronavirus.

All'interno di questo scenario così particolare e complesso allo stesso tempo, non c'è dubbio che in questo momento si possa affermare che il fatto che molte città siano in completo isolamento e ci siano limitazioni alla mobilità, sta producendo un boom dell'approvvigionamento online da casa . Con un'alternativa al tempo libero e alla formazione molto maggiore rispetto ad altri periodi della storia.

Confronto dei prezzi online

In questo senso, i numeri sono molto chiari per dimostrare che nove consumatori su dieci confrontano i prezzi online prima di acquistare un prodotto. Lo rivela l'indagine svolta da un importante comparatore assicurativo in occasione del Giornata dei consumatori. Un appuntamento che si tiene ogni 15 marzo e che l'azienda ha utilizzato per chiarire alcune domande sulle abitudini di consumo degli spagnoli.

Nello specifico, il 93% dei soggetti intervistati ha dichiarato di controllare i prezzi online quando intende acquistare un nuovo prodotto. Inoltre, quasi i due terzi di coloro che lo fanno, finalizzano l'acquisto online. L'obiettivo è semplice: informarsi e ridurre i costi. Ed è che il confronto ci dà l'opportunità di risparmiare fino al 50% su determinati servizi. È il caso, ad esempio, dell'assicurazione auto, ma non l'unico.

Non solo il comodità per lo shopping in formato online è all'origine di questa decisione personale da parte degli utenti o dei clienti. In caso contrario, al contrario, è un'azione che soddisfa i desideri di buona parte di queste persone di interagire con il settore dei consumi. Nella misura in cui si può interpretare che si tratta di una tendenza che sta salendo negli ultimi anni e che non ha più un ritorno negli anni a venire. Come si evince dai più recenti rapporti di settore, che danno la strana idea di come sarà questa tendenza d'ora in poi, soprattutto nei prossimi due o tre anni.

Crescita economica inferiore

All'interno di questo scenario in cui si sta attualmente muovendo il commercio elettronico, è necessario tenere conto di come il coronavirus possa influenzare l'attività economica a livello globale. Perché in effetti, e per il momento lo scenario gestito da diversi agenti economici e finanziari è che l'epidemia di virus riduca la crescita del PIL cinese di circa lo 0,3% quest'anno, fino al 5,6% e nel mondo intorno allo 0,15%, fino al 2,6% o 2,5%. Tuttavia, la situazione potrebbe diventare molto più grave se il coronavirus non potrà essere contenuto nei prossimi giorni. In questo senso,

Ma al contrario, il commercio elettronico rappresentato dai negozi o il commercio online può emergere con particolare forza nel momento congiunturale attuale. Perché il fatto che ci siano molte città isolamento completo e ci sono restrizioni alla mobilità, sta producendo un boom nel provisioning online da casa. Ad esempio, con prodotti o servizi strettamente legati al tempo libero e alla formazione. Al punto che possono vedere le loro vendite migliorate in questi mesi complessi per tutti gli utenti.

Non si può dimenticare che all'interno di quelle che sono le tendenze che segneranno il futuro del commercio elettronico nei prossimi anni, questo settore così rilevante nell'economia di tutto il mondo è diventato poco meno che indispensabile dalle prime transazioni online degli anni '90 ad oggi. . In modo progressivo e stabilendo le sue basi all'interno di questo segmento di attività. Nonostante le lacune che al momento genera e che sono pienamente comprensibili dagli esperti.

Dove è necessario evidenziare che, sebbene la domanda si sia moltiplicata, è ancora incerto se la maggioranza delle aziende che ricevono questi ordini sarà in grado di soddisfarla. Questo perché il principale fornitore di materie prime e prodotti è la Cina, il Paese più colpito e iniziatore del coronavirus. Da questo punto di vista, non è vulnerabile ai possibili effetti che potrebbe avere sull'economia mondiale a partire da questo marzo. D'altro canto, fornisce una maggiore diversificazione nelle sue linee di business rispetto ad altri settori più convenzionali o tradizionali. Al punto che nella maggior parte dei casi può essere una vera opportunità di business. Come si evince dai più recenti rapporti di settore che si sono riflessi negli ultimi mesi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)