Cos'è Clickbait e come funziona?

Se hai trascorso del tempo su Internet, probabilmente hai visto articoli e immagini con titoli come gli esempi sopra. Sono solo un piccolo esempio di ciò che è noto come clickbait.

Clickbait è un titolo scandalistico che ti incoraggia a fare clic su un collegamento a un articolo, un'immagine o un video. Piuttosto che presentare fatti oggettivi, i titoli clickbait spesso fanno appello alle tue emozioni e alla tua curiosità. Dopo aver fatto clic, il sito Web che ospita il collegamento guadagna entrate dagli inserzionisti, ma il contenuto effettivo è spesso di qualità e accuratezza discutibili. I siti web utilizzano clickbait per attirare il maggior numero di clic possibile, aumentando così le entrate pubblicitarie.

Sebbene i titoli e i contenuti dei tabloid siano stati utilizzati dal XNUMX ° secolo, sono diventati mainstream nel mondo digitale. Sebbene si basi su una vecchia idea, il clickbait ha ancora lo stesso scopo del suo predecessore: attirare l'attenzione con ogni mezzo necessario.

Cos'è in realtà Clickbait?

In poche parole, "clickbait" è contenuto intenzionalmente eccessivamente promettente o travisato per attirare gli utenti su un determinato sito web. Clickbait generalmente attira gli utenti con un titolo istantaneo e sensazionale, come "non ci crederai" o "non indovinerai mai cosa è successo dopo", ma poi non riesce a soddisfare le aspettative implicite dell'utente.

Uno dei tipi più popolari di contenuto "clickbait" consiste nel produrre "elenchi" che aggregano i contenuti di altri siti per attirare più utenti su un sito.

Ogni clic e visualizzazione dell'articolo di origine in genere genera entrate basate sugli annunci per il post. Più clic riceve un articolo, maggiori saranno le entrate che guadagnerà. Per questo motivo, il clickbait è progettato per attirare un vasto pubblico e raramente utilizza linee guida sulla qualità e fonti di ricerca. Alcuni articoli "clickbait" utilizzeranno un gran numero di immagini o videoclip distribuiti su più pagine per aumentare ulteriormente il numero di clic degli utenti. Ogni pagina nel "clickbait" conterrà più annunci.

Ma va anche oltre nel significato di questo concetto innovativo. Perché in effetti, non puoi dimenticare in questo preciso momento di sapere davvero cos'è Clickbait, che ovviamente è qualcosa di diverso da quello che abbiamo visto finora. Quindi, prima di entrare nel modo in cui funziona il clickbait, definiamolo. Mi piace la definizione di Merriam-Webster meglio della versione di Wikipedia. MW definisce il clickbait come: "Qualcosa (come un titolo) progettato per invogliare i lettori a fare clic su un collegamento ipertestuale, soprattutto quando il collegamento porta a contenuti di discutibile valore o interesse".

A volte il clickbait è più simile a un'esca e un interruttore. Cioè, leggiamo un titolo o un collegamento accattivante, facciamo clic su di esso, solo per ritrovarci inghiottiti in un annuncio. La maggior parte delle clickbait sono della varietà "di dubbio valore". C'è del contenuto quando si fa clic sul collegamento, ma è fortemente avvolto negli annunci. Pertanto, l'articolo o il video è in realtà un'esca che ci espone all'annuncio, che è il vero scopo del contenuto. Quando un numero sufficiente di persone viene esposto agli annunci, una percentuale di noi diventerà acquirente dei prodotti che vengono commercializzati. Ancora una volta, sappiamo che questo modello "clickbait" funziona abbastanza bene perché se non lo facesse, non esisterebbe. È un prodotto del capitalismo darwiniano.

In che modo Clickbait ci aggancia?

Non esiste una risposta semplice a questa domanda, ma copriremo uno dei motivi per cui non possiamo resistere al clickbait. Gli esseri umani sono attratti a cercare informazioni nel nostro mondo perché hanno un valore di sopravvivenza. Cerchiamo le informazioni nello stesso modo in cui i nostri antenati cercavano il cibo. Questo è "connesso" a noi. Il clickbait è la promessa che verranno rivelate informazioni incredibili, provocatorie o scioccanti se clicchiamo su quel link.

Il nostro sistema di ricompensa della dopamina è coinvolto nella nostra motivazione a conoscere il nostro mondo. La dopamina, un ormone, è coinvolta nel piacere, ma ha molte funzioni. Sebbene questo sia certamente sfumato e possa essere molto tecnico, esiste un corpo di ricerca che suggerisce che la dopamina incentivi il comportamento più attraverso il desiderio (chiamato salienza incentivante) che il gusto. In effetti, la dopamina crea un prurito che deve essere graffiato.

Clickbait funziona, in parte, perché la promessa di informazioni convincenti attiva un particolare percorso della dopamina. La dopamina viene rilasciata e crea quel prurito che può essere graffiato solo ottenendo le informazioni promesse. Mordere l'amo (cioè ottenere le informazioni) non ci dà davvero un grande piacere. Quello che ci dà è sollievo da quel "prurito" di non fare clic sul collegamento. In questo modo, può essere considerato come una sorta di rinforzo negativo.

L '"effetto Vegas"

Un altro modo in cui il clickbait ci attrae è attraverso un programma di richiamo a velocità variabile. Questo è talvolta noto come "effetto Las Vegas" perché i programmi di richiamo a tasso variabile sono coinvolti nel gioco d'azzardo. Ho scritto sul blog dell '"effetto Vegas" dei nostri schermi in una discussione sul perché gli schermi possono essere così difficili da resistere.

Quei titoli "clickbait" ci rendono curiosi di vedere cosa c'è dietro il sipario, per così dire. Per citare l'astuto Forrest Gump, che ha citato sua madre, "La vita è come una scatola di cioccolatini". Non sai mai cosa otterrai. Non sappiamo quanto saranno scioccanti queste risposte. Quanto sarà cattivo il mio attore bambino preferito? Chi erano i migliori batteristi rock & roll di tutti i tempi? Devo sapere perché questi matrimoni di celebrità sono finiti così bruscamente!

Titoli e contenuti di clickbait

Il titolo di un articolo clickbait è l'elemento più importante. I titoli dei clickbait sono spesso scritti per manipolare i sentimenti o attirare l'attenzione. Ad esempio, il titolo può suscitare emozioni di rabbia ("Sarai oltraggiato da quello che è successo a questa ragazza"). Altri tipi di clickbait sono progettati in modo intelligente per stuzzicare la curiosità delle persone ("Quest'uomo ha trovato una busta sigillata. Non crederai a cosa c'era dentro!").

Spesso il titolo e il contenuto del clickbait sono di natura sensazionale, provocatoria o controversa. Questi tipi di titoli, insieme a immagini accattivanti e condivisione e commenti sui social media, sono elementi comuni di clickbait.

Il gancio che deve essere utilizzato dagli utenti

Se sei come me, Internet è un campo minato di gradite distrazioni. Mi siederò per scrivere un articolo piuttosto secco su qualcosa come l'evoluzione dei colletti delle camicie durante il XIX secolo, e nel mezzo di una pagina perfetta per la mia ricerca, vedrò un collegamento che promette di trasportarmi lontano da questo noioso e mondo polveroso di amido e spilli.E prima che me ne accorga, sono passate dieci ore e sto guardando i video di una lontra su un pogo stick. Mi piace pensarlo come l'effetto "Rabbit Hole".

Alcuni siti web sono ben consapevoli che le persone "come me" si distraggono facilmente, che le persone sono curiose e che le persone fanno clic su quasi tutto per evitare di fare un lavoro "reale", e sfruttano questo fatto.

Alcuni link su cui facciamo clic sono informativi, divertenti e pertinenti ... Anche se distraggono ancora, ci sono altri link allettanti che hanno poco o nessun valore e sono progettati in modo univoco per portarti a una pagina e tenerti lì per sempre, facendo clic su Titoli allettanti uno dopo l'altro ... Questo ci porta a titoli più allettanti su cui fare clic, e questo è clickbait.

Il clickbait è solo un'altra distrazione in un mondo che è già una distrazione. Ogni giorno siamo bombardati da informazioni, istruzioni per cliccare qui, oppure acquistare questo e calcolare ciò che è veramente utile o ha un certo valore è sempre più difficile. Ad aggiungere a questa rumorosa esistenza digitale, ci sono clickbait, titoli brevi e intriganti progettati per distrarti e farti leggere pagina dopo pagina di sciocchezze irrilevanti e disinformative.

Clickbait funziona su un principio semplice, riempie il vuoto della curiosità. Questo è semplice come presentare qualcosa di curioso e promettente di soddisfazione. In altre parole, in modo che tu lo capisca meglio da questo momento in poi. Clickbait è una tattica di copywriting ben nota (e abusata) che cerca di generare clic o guadagni attraverso titoli eccessivamente sensazionali. L'utente, curioso per natura, si innamora ripetutamente di questa tattica, da cui il nome, già più volte tradotto come "click bait" o "cyberanzuelo".

Clickbait più che una definizione complessa per tutti

L'upselling è una tecnica di vendita che incoraggia i consumatori ad aumentare il loro acquisto medio tramite impulso. Dove la chiave del suo sviluppo. Il content marketing riguarda la generazione di traffico. Se non riesci ad attirare visitatori sul tuo sito, le tue possibilità di successo online sono praticamente inesistenti.

Tuttavia, negli ultimi due anni, c'è stata un'ondata di operatori di marketing e proprietari di piccole imprese che hanno cercato di trovare un percorso più semplice per aumentare il traffico producendo e promuovendo i cosiddetti "clickbait".

Se usato con saggezza e con parsimonia, il clickbait può essere uno strumento di marketing efficace, ma devi stare attento. Nella maggior parte dei casi, il clickbait è una ricetta per il disastro.

In poche parole, "clickbait" è contenuto intenzionalmente eccessivamente promettente o travisato per attirare gli utenti su un determinato sito web. Clickbait generalmente attira gli utenti con un titolo istantaneo e sensazionale, come "non ci crederai" o "non indovinerai mai cosa è successo dopo", ma poi non riesce a soddisfare le aspettative implicite dell'utente.

Uno dei tipi più popolari di contenuto "clickbait" consiste nel produrre "elenchi" che aggregano i contenuti di altri siti per attirare più utenti su un sito.

Gli articoli Clickbait tendono ad essere lunghi meno di 300 parole e in genere non includono idee o contenuti originali. Invece, sono riassunti di storie più lunghi o video incorporati che potrebbero essere trovati altrove e, a un'ispezione, non corrispondono necessariamente al titolo o al precedente corrispondente.

Molti proprietari di piccole imprese e agenzie di marketing amano utilizzare il clickbait perché è un modo super veloce per generare traffico sul web e può generare risultati. Gli elenchi specifici del settore, in particolare, possono far risparmiare agli utenti molto tempo ed energia nel tentativo di aggiungere informazioni per se stessi. Il successivo aumento del traffico che questo contenuto crea può migliorare la presenza di un sito nei motori di ricerca in modo fenomenale. In generale, è una soluzione vantaggiosa per tutti.

È più difficile dire se quel traffico si traduce direttamente in tassi di conversione più elevati e aumento delle vendite. Ma se le aziende fanno troppo affidamento sul clickbaiting, spesso può tornare a mordere forte.

Il problema è troppo promettente e insufficiente, quindi la maggior parte dei potenziali clienti cercherà probabilmente di evitarlo quando possibile. Dopotutto, a nessuno piace sentirsi ingannato o perso tempo, quindi se inizi a pubblicare o promuovere clickbait troppo spesso, il tuo marchio potrebbe diventare un sinonimo tossico di informazioni discutibili o denaro perso.

E, cosa più importante, potresti farti saltare in aria in termini di SEO.

I motori di ricerca come Google includono molti criteri nei loro algoritmi per produrre pagine di risultati per gli utenti e uno di questi fattori è la qualità del contenuto web. Ogni due mesi, Google rilascia una serie di aggiornamenti progettati per esaminare i clic, i contenuti duplicati e le notizie false e successivamente punisce le pagine e i siti Web associati a tali contenuti di bassa qualità spingendoli più in basso nelle pagine dei risultati.

Un altro fattore che i motori di ricerca prendono in considerazione quando classificano vari siti è la frequenza di rimbalzo di una pagina web. Se gli utenti fanno clic su una pagina, identificano il contenuto come inutile e "rimbalzano" immediatamente fuori dal sito senza fare clic su un'altra pagina, Google generalmente classifica quel sito come meno prezioso dal punto di vista dell'utente. Più utenti rimbalzano su contenuti inutili, più il sito ne risentirà.

Facebook ha anche adottato misure contro il clickbait. La scorsa estate, il gigante dei social media ha rilasciato un nuovo aggiornamento dell'algoritmo che identifica il clickbait che le aziende pubblicano e che successivamente impedisce a quei post di apparire nei feed di notizie degli utenti.

Con questo in mente, vale la pena pensarci due volte prima di ospitare il clickbait sul tuo sito web aziendale o condividerlo sui social media. Se utilizzato con parsimonia e creatività, può generare traffico positivo che alla fine potrebbe rafforzare la tua presenza online. Questo profilo accresciuto va di pari passo con una serie di vantaggi indiretti.

Ma fare troppo affidamento sul clickbait è anche un modo infallibile per danneggiare il tuo SEO, perdere follower sui social media e offuscare la fiducia nel tuo marchio. Pertanto, dovresti stare attento. A volte è bene non saltare sul carro e, a meno che tu non sia un venditore fiducioso, significa che dovresti evitare il clickbaiting.

Dove trovi il clickbait?

Puoi trovarlo quasi ovunque su Internet, il che lo rende difficile da evitare. I titoli di clickbait sono comuni in luoghi come i social media e i blog, mentre molti siti di grandi nomi come i bollettini meteorologici e le agenzie di stampa offrono spazio pubblicitario per i contenuti clickbait. Ciò significa che devi stare attento prima di fare clic su un collegamento, anche quando sei su un sito web di qualità.

Come lo riconosco?

Di solito puoi riconoscere i clickbait attraverso un titolo o un'immagine scandalosi, ma non è sempre così facile. A volte è difficile capire la differenza tra click bait e un titolo legittimo. Dopotutto, tutte le notizie vogliono attirare la tua attenzione.

Ci sono alcuni elementi comuni utilizzati nei contenuti clickbait, come titoli vaghi e immagini che lasciano correre la tua immaginazione. Il clickbait utilizza anche shock e indignazione per attirare la tua attenzione, oltre a elenchi numerati. Molti link utilizzano una combinazione di questi elementi per attirare la tua attenzione.

Ecco un modo semplice per capire se stai visualizzando un articolo clickbait: se il titolo ti dice come sentirti invece di lasciarti avere la tua reazione, probabilmente è un clickbait.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.