Aiuti all'e-commerce colpito dalla crisi

Sono molti gli e-commerce colpiti dalla crisi e che necessitano di aiuti ufficiali per cercare di rilanciare le proprie linee di business in questo momento. In modo che possano continuare fino all'inizio di marzo dove è stato sviluppato questo importante allarme sociale che coinvolge un bene numero di negozi e negozi in linea.

In questo contesto sono stati predisposti diversi piani di emergenza per tutelare queste imprese in questi mesi in cui si è verificata un'interruzione dell'attività d'impresa. Sia nello sviluppo delle strategie aziendali che nei rapporti con i clienti o gli utenti. In questo modo sono in grado di continuare la loro attività d'ora in poi.

Il mercato relativo a alimentación È quello che sta vivendo la maggiore crescita se parliamo di apertura di negozi online. Nello specifico, aziende come macellai, pescherie, fruttivendoli e piccoli negozi di quartiere sono le aziende più interessate ad aprire negozi su Internet. È il modo in cui cercano di compensare la chiusura fisica dei loro stabilimenti istituita dal governo per combattere la diffusione di questo virus.

Settori con la maggior richiesta

Mentre d'altra parte, i negozi online più tradizionali stanno vedendo come in questi giorni gli ordini vengono ampliati dai loro clienti. Di fronte alla richiesta di un'ampia gamma di servizi, articoli e prodotti richiesti da persone confinate nelle proprie case. Come cibo, libri, prodotti per il tempo libero e intrattenimento o prodotti tecnologici

Soprattutto vista la mancanza di risposta da parte dei negozi fisici che hanno dovuto chiudere in questi giorni a causa del diffusione di questo virus. Al punto che in alcuni casi l'incremento delle proprie linee di business sta raggiungendo livelli superiori al 40%. Dove il problema maggiore deriva dall'ubicazione dei punti di raccolta poiché gli utenti non possono lasciare le loro case.

In questo senso, va ricordato in questo momento che i punti di raccolta automatizzati sono quelli che stanno guadagnando più rilevanza in questi giorni. Sebbene richiedano una grande infrastruttura e una certa complessità, possiamo trovare questo tipo di armadietti per un po 'di tempo. In generale, si trovano solitamente in luoghi pubblici come centri commerciali o stazioni di trasporto (e anche privati, come le aree comuni delle comunità vicine). La sua meccanica è molto semplice per tutti poiché si basa sul fatto che l'utente stesso si sposta verso di loro e inserisce un codice a barre che gli consente di accedere alla sua spedizione.

Aiuti per liberi professionisti e aziende

Moratoria sui contributi sociali per imprese e lavoratori autonomi.

Offre la possibilità di richiedere una moratoria fino a sei mesi, senza interessi, nei pagamenti dei contributi previdenziali il cui periodo di maturazione, nel caso delle aziende, è compreso tra i mesi di aprile e giugno e, in caso di auto -lavoratori occupati, tra maggio e luglio 2020. Inoltre, possono richiedere il posticipo del pagamento dei propri debiti con la Previdenza Sociale, il cui termine legale per l'ingresso avviene tra i mesi di aprile e giugno.

Aiuti al turismo.

Una linea di Finanziamento ICO di oltre 400 milioni per le aziende turistiche, con una garanzia parziale del 50% da parte del Ministero dell'Industria, del Commercio e del Turismo. Inoltre, per le aziende del turismo (compreso il commercio e gli hotel legati al settore) il sconti del 50% sui contributi aziendali alla Previdenza Sociale in contratti discontinui fissi per contratti da febbraio a giugno. Allo stesso modo, al fine di garantire la liquidità e la redditività delle aziende turistiche, il pagamento degli interessi e degli ammortamenti corrispondenti ai prestiti concessi dalla Segreteria di Stato per il turismo nell'ambito del Programma Emprendetur è sospeso per un anno e senza alcuna penalità. le sue varianti di R + S + i, giovani imprenditori e internazionalizzazione.

Altre sovvenzioni per le PMI

Tra i principali aiuti alle PMI e ai lavoratori autonomi ci sono i seguenti che citiamo di seguito:

Cessazione dell'attività. I liberi professionisti che vedono il proprio reddito ridotto del 75% a causa della crisi del coronavirus, possono accedere alla cosiddetta “disoccupazione dei lavoratori autonomi”. L'importo che riceveranno è calcolato sulla base del contributo mensile medio degli ultimi sei mesi. Dato che l'80% del lavoratore autonomo paga il minimo, l'importo medio che percepirà il lavoratore autonomo sarà di circa 660 euro mensili. Per poter optare per la cessazione dell'attività, o anche detta disoccupazione dei lavoratori autonomi, è necessario che il lavoratore sia in regola con i versamenti alla Previdenza Sociale ed essere iscritto al Regime Speciale per i Lavoratori Autonomi Lavoratori (RETA) all'epoca in cui lo stato di allarme è stato decretato il 14 marzo. I lavoratori autonomi e gli imprenditori bisognosi devono recarsi presso le banche per richiedere questo finanziamento.

Differenze approvate. I lavoratori autonomi potranno posticipare i debiti che avevano già con la Previdenza Sociale. Quelle entrate che i lavoratori autonomi dovevano realizzare tra aprile e giugno di questo anno fiscale possono essere differite, applicando un interesse dello 0.5%. E 'stata inoltre approvata una moratoria di sei mesi per il pagamento degli obblighi di previdenza sociale per maggio, giugno e luglio sia per i lavoratori autonomi che per gli imprenditori. Questi, inoltre, non avranno maggiorazioni o interessi.

Piani pensionistici. I lavoratori autonomi o gli imprenditori costretti a chiudere la propria attività possono accedere al salvataggio dei propri piani pensionistici.

Mutui. I pagamenti ipotecari sono sospesi per tre mesi per i lavoratori autonomi interessati. Per fare ciò, devono presentare una dichiarazione responsabile che dimostri la vulnerabilità e possono sospendere le loro tariffe per tre mesi.

Legame sociale elettrico. È destinato a quei lavoratori autonomi che hanno dovuto cessare la propria attività o che hanno ridotto il proprio reddito almeno del 75%. Potranno sospendere per sei mesi le bollette per la fornitura di gas ed elettricità.

Lavoratori autonomi contagiati dal coronavirus. Lavoratori autonomi che ammalarsi di Covid-19 sarà considerato un infortunio sul lavoro. In altre parole, potranno riscuotere un'indennità per congedo per malattia. L'importo per i lavoratori autonomi che contribuiscono con la base minima è di 23,61 euro per ogni giorno di assenza. La differenza principale nel caso in cui sia considerata una malattia comune è che il lavoratore autonomo in questi casi riceve il beneficio dal quarto giorno e l'importo è del 60% della base regolatoria.

finanziamento. Il governo ha annunciato una serie di garanzie che copriranno l'80% dei rischi legati ai prestiti che le banche concedono ai lavoratori autonomi e alle piccole e medie imprese. Nello specifico, a questa misura saranno stanziati 10.000 miliardi di euro. I lavoratori autonomi e gli imprenditori bisognosi devono recarsi presso le banche per richiedere questo finanziamento.

Bonus su contratti precedenti. Soprattutto in settori come l'ospitalità o il commercio, hanno stipulato contratti fissi discontinui prima della crisi del coronavirus. Questi contratti erano accompagnati da alcuni bonus. La previdenza sociale ha annunciato di mantenere questo aiuto per tutti i contratti firmati fino a giugno. I lavoratori autonomi e gli imprenditori bisognosi devono recarsi presso le banche per richiedere questo finanziamento.

Incentivi per mitigare gli effetti della crisi

All'interno di questa campagna, va notato che ePages, uno dei principali fornitori di software per negozi online, vuole aiutare le aziende colpite dalla crisi del coronavirus con negozi online gratuiti in modo che possano continuare a vendere. Attraverso l'iniziativa "stayopen", i negozi chiusi hanno la possibilità di creare gratuitamente il proprio negozio virtuale e con tutte le sue funzionalità, che li aiuteranno a mitigare le conseguenze economiche della situazione attuale, in modo che i propri clienti possano continuare a fare acquisti in sicurezza da casa. Il servizio rimarrà gratuito fino alla fine di giugno, o più a lungo se persistono le restrizioni all'apertura dei negozi.

Le misure contro il coronavirus, che includono la chiusura dei negozi fisici, pongono grandi sfide al settore della distribuzione. "I rivenditori sono particolarmente colpiti dallo stato di emergenza, in particolare i proprietari di piccole imprese", afferma Wilfried Beeck, fondatore e CEO di ePages. “Mentre l'e-commerce è in piena espansione e autorizzato durante la crisi, il commercio fisico fatica a continuare a funzionare. Con la nostra infrastruttura basata su cloud, possiamo offrire immediatamente una soluzione rapida a migliaia di commercianti ".

L'iniziativa "stayopen" ha il sostegno di molti partner internazionali di ePages: la società di hosting Hostalia in Spagna; il principale fornitore di servizi di pagamento Payone, una joint venture del Gruppo Ingenico e Deutscher Sparkassenverlag, e VR Payment, la divisione pagamenti della Volks- und Raiffeisenbanken Bank in Germania; l'hosting provider Hostpoint in Svizzera; Box e-commerce di Société SAS in Francia; il gruppo Vilkas in Finlandia; eCorner in Australia; e Dominios.pt. in Portogallo. Finora tutte queste società hanno aderito all'iniziativa.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.